PNRR, prima verifica sulla quota Sud: si inizia dall'edilizia scolastica

7 ottobre 2021

Si è riunita a Palazzo Chigi la prima Cabina di regia sul PNRR, con al centro il tema dell'istruzione. All'incontro ha partecipato anche il ministro Mara Carfagna, che ha ribadito un principio condiviso con gli altri componenti del governo: "Al Mezzogiorno spetta il 40 per cento dei fondi del PNRR e non succederà mai più che risorse destinate agli asili nido e alle scuole dell'infanzia del Sud finiscano altrove".

A partire da queste basi, la Cabina di regia ha aperto a una verifica degli esiti del primo bando per l'edilizia scolastica, che assegnava 700 milioni di euro per la costruzione o ristrutturazione di asili nido, scuole dell'infanzia e centri per la famiglia: "Se il Sud risulterà penalizzato - chiarisce Carfagna - ci saranno compensazioni nei prossimi bandi".

"Ringrazio i colleghi – prosegue il ministro per il Sud e la Coesione territoriale – per la linea di assoluta fermezza sulla quota del 40 per cento riservata al Mezzogiorno. Ci consentirà di evitare che si ripeta l'errore del marzo scorso, con il bando di 700 milioni predisposto da chi ci ha preceduto: quel bando vincolava al Sud una quota già bassa, il 34 per cento, pari alla percentuale della popolazione, e per di più la assegnava con criteri facilmente eludibili. Ho chiesto di analizzare la destinazione delle risorse per capire quanto è andato a ogni singola regione meridionale: se le quote risulteranno inferiori, saranno compensate da future assegnazioni di risorse", conclude il ministro.

A confermare quanto detto nel corso della Cabina di regia è stato anche il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, nella successiva conferenza stampa.

Pnrr , Istruzione
Torna all'inizio del contenuto