React-EU, stanziati 1,42 miliardi per istruzione, sanità, acqua

10 agosto 2021

Arriva nuova linfa per i PON "Ricerca e Innovazione" e "Infrastrutture e Reti", grazie a oltre 1,4 miliardi di euro stanziati oggi dalla Commissione europea nell'ambito di React-EU. Salgono così a circa 3 miliardi i finanziamenti già assegnati all'Italia, dopo che nei giorni scorsi era stato annunciato lo stanziamento di 1,6 miliardi per il PON "Imprese e Competitività", che si arricchisce con interventi per la transizione digitale delle imprese, l'efficientamento energetico degli edifici pubblici e le smart grid.

A comunicarlo è la stessa Commissione, che spiega di aver approvato la riprogrammazione dei PON proposta nelle scorse settimane dagli uffici del Ministro per il Sud e la Coesione territoriale.

A seguito del via libera accordato da Bruxelles al Piano italiano per l'utilizzo delle risorse di React-EU, infatti, occorreva presentare entro il 31 luglio la rimodulazione dei Programmi interessati dai nuovi finanziamenti. Grazie al lavoro svolto, è stato possibile centrare l'obiettivo e, quindi, accedere rapidamente alle prime risorse aggiuntive stanziate dall'UE per le politiche di coesione.

Il PON "Ricerca e Innovazione" sarà potenziato con ulteriori 1,1 miliardi di euro (di questi, 490 milioni sono riservati al Mezzogiorno) con le seguenti finalità:

  • la stipula di contratti di formazione a medici specializzandi;
  • il sostegno alle famiglie per il pagamento delle tasse universitarie;
  • l'attivazione di borse di studio per studenti meritevoli e in condizioni di difficoltà economica;
  • dottorati e contratti di ricerca su tematiche dell'innovazione;
  • dottorati di ricerca su tematiche green;
  • contratti di ricerca su tematiche green.

Altri 322 milioni di euro sono destinati interamente ai territori delle regioni meridionali, all'interno del PON "Infrastrutture e Reti", per interventi volti a ridurre le perdite nella rete di distribuzione idrica. Si tratta di una misura complementare a quella contenuta nel PNRR, che servirà ad avviare il piano complessivo per ridurre gli sprechi di acqua e migliorare l'intero ciclo idrico integrato, in particolare al Sud.

Le risorse di React-EU rappresentano una integrazione a quelle già previste nell'ambito dei Fondi strutturali europei per il ciclo delle politiche di coesione 2014-2020. Il loro impiego, quindi, è previsto tassativamente entro il 2023.

ReactEU
Torna all'inizio del contenuto