Confronto Carfagna-Schmit: verso l'intesa sui Fondi strutturali

7 settembre 2021

"Dopo il confronto avuto oggi con il commissario Schmit, sono ancora più fiduciosa sulla possibilità di giungere in tempi rapidi a un'intesa che consenta al nostro Paese di utilizzare rapidamente e al meglio le risorse che arriveranno dai Fondi strutturali europei per il ciclo 2021-2027". Lo afferma il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, al termine di una videoconferenza con il membro della Commissione UE che detiene la delega al Lavoro e ai Diritti sociali.

"Il commissario ha confermato l'apprezzamento per il nostro lavoro, centrato in particolare sulla priorità della coesione sociale e territoriale, sull'attenzione rivolta ai giovani, su un migliore utilizzo delle risorse europee grazie al potenziamento delle amministrazioni locali", spiega Carfagna.

"Inoltre, il commissario Schmit ha garantito la disponibilità e lo spirito di collaborazione da parte dei tecnici di Bruxelles nel confronto con i nostri uffici, per chiarire gli ultimi dettagli rimasti e giungere così a un'intesa definitiva sul testo dell'Accordo di Partenariato. È un segnale importante, che conferma la fiducia che la Commissione europea ripone nel lavoro del nostro governo e apre la strada agli oltre 83 miliardi di investimenti di Fondi strutturali, tra risorse europee e cofinanziamento nazionale, che arriveranno nei prossimi anni, in gran parte al Sud, e che andranno ad ampliare e rafforzare gli interventi già previsti dal PNRR", ricorda il ministro.

"Il clima tra Italia ed Europa è cambiato e questa ne è l’ulteriore dimostrazione", conclude Carfagna. "I cittadini italiani possono guardare oggi con più fiducia verso una Unione Europea che dimostra di voler proseguire nello sforzo iniziato durante la pandemia, per tutelare la popolazione sul piano sanitario e socio-economico. E ciò è possibile anche grazie al prestigio e all'autorevolezza riconosciuti dai partner internazionali al nostro governo, sotto la guida del presidente Draghi".

Fondi strutturali
Torna all'inizio del contenuto