Il DL 'Infrastrutture' pone fine a 12 anni di ritardo per avvicinare Sud e Nord

3 settembre 2021

"La norma approvata ieri dal Consiglio dei ministri pone fine a 12 anni di ritardo nella piena attuazione della legge 42 del 2009 che sicuramente ha danneggiato il Mezzogiorno. È sulla perequazione infrastrutturale inesistente, così come sull'assenza dei Lep, i livelli essenziali delle prestazioni, che si sono rafforzate le disuguaglianze territoriali e sociali tra Nord e Sud, contribuendo a costruire quello che io chiamo il muro invisivibile tra le due aree del Paese ma che, come ministro per il Sud, sento il dovere di smantellare".

Lo afferma Mara Carfagna nell'intervista rilasciata al quotidiano Il Mattino e dedicata al decreto-legge 'Infrastrutture', che ieri ha ricevuto l'approvazione del Consiglio dei ministri e si appresta ora ad avviare il suo percorso parlamentare di conversione.

A proposito dell'ingresso del ministro per il Sud e la Coesione territoriale nella Cabina di regia sull'edilizia scolastica, Carfagna assicura che "non faremo le belle statuine". E spiega: "La nostra presenza sarà al contrario la garanzia del riparto più equo delle risorse per la costruzione, la riqualificazione e la ristrutturazione di asili nido e scuole per l'infanzia. Abbiamo l'assoluta consapevolezza che vada chiusa definitivamente la pessima pagina dei vecchi trucchi con cui si sono dirottate in passato risorse destinate al Sud".

infrastrutture
Torna all'inizio del contenuto